Stampa

Grazie per la tua umile e profetica testimonianza di amore a Cristo e alla sua Chiesa!

BeatoPaoloVI

Anche noi eravamo in Piazza S. Pietro stamattina per la beatificazione di Paolo VI, grate, sommamente grate al Signore per il dono di questo pastore e profeta e per il suo grande amore alla Chiesa, che papa Francesco ha ricordato con parole appassionate nell'omelia. A Paolo VI siamo grate, perché in una sua intuizione della Pasqua del 1961 riconosciamo il nostro carisma (vedi): un seme e un desiderio, che anche noi donne abbiamo sentito e sentiamo nel cuore e che lo Spirito ha fatto diventare realtà.

Leggi tutto...

Stampa

"...esultano!"

PaolaGio4pCon grande gioia, sabato 6 settembre, nella Basilica di S. Ambrogio, Paola e Giovanna hanno pronunciato il loro «Sì per sempre», professando l’intenzione di vivere sempre più per Cristo, per il servizio della Chiesa ambrosiana, nella piena disponibilità all’arcivescovo di Milano.
Dalla chiesa gremita di parenti, amici e molte persone incontrate da Paola e Giovanna nelle varie realtà cui sono state inviate per il servizio pastorale in questi anni, si è levata un’intensa preghiera, per accompagnare e sostenere il generoso dono di sé, che diviene scelta stabile ed identità profonda. Il Vicario Generale ha ricordato, nell’omelia, come questa identità, per le ausiliarie, consista nell’essere donne della risurrezione.
Rendendo grazie a Dio Padre per queste sorelle, ci stringiamo a loro nella gioia della comune appartenenza.

 Alla sera dei giorni 11, 12 e 19 settembre, in tre luoghi della diocesi puoi unirti alla nostra preghiera di ringraziamento. Scarica la locandina

--------------------------------

Se vuoi lasciarci un feedback, usa il modulo che trovi nella pagina dei contatti. Se lascerai un indirizzo email corretto, potremo contattarti e ringraziarti. Buona navigazione!

Stampa

25° anniversario - Una vita in bilico

Volendo celebrare la grazia a cui hanno risposto in questi 25 anni, Cristina, Marinella e Silvia hanno scelto un mosaico di padre Rupnik che potesse sintetizzare la loro esperienza spirituale.
 
Immagine2 copiaAttraverso questa immagine, c'è qualcosa di immensamente bello, c’è una Parola che ci raggiunge su svariati sentieri. Una volta riconosciuta, ascoltata e accolta non è più solo per noi ma vuole e deve essere portare agli altri, a chi si incontra nel cammino della vita.

Leggi tutto...

Stampa

Accanto ai malati - 1

milena4 1Vivo la mia missione di assistente spirituale all'ospedale di Giussano da ormai 11 anni. Spesso mi capita di ritornare con la mente e con il cuore alla parabola del Buon Samaritano (Lc 10,25-37) che Gesù ci racconta per indicarci il modo e la misura per amare i fratelli. Vivere in pienezza ogni istante della vita, sopratutto quando diventa fragile e precaria e il tempo fugge irrimediabilmente verso la fine, significa vivere fino in fondo la storia unica e personale che Dio ha scritto per ciascuno di noi in un progetto misterioso di amore e di salvezza. Gesù indica il modo e la misura di amare. Lui ci attende e sulla strada di ogni giorno con volti nuovi e realtà nuove ci chiama a vivere la Carità. Ogni giorno e sopratutto il ospedale tutto è nuovo, lì Gesù mi chiama ad un ascolto nuovo, ad una partecipazione fraterna, perchè nessuno rimanga al bordo della strada.

Prendermi cura vuol dire accompagnare un fratello all'incontro con il Padre, non solo al momento della morte, perché anche nella malattia il Signore ci aspetta, in quel giorno, in quell'ora per dirci qualcosa, sta a noi riconoscre il suo passaggio. Ciascuno di noi è samaritano quando nel cuore ha la "passione, l'amore" per il fratello. 

Leggi tutto...

Stampa

Che tu possa vivere a lungo!

Giusy, che studia mediazione culturale, ha trascorso anche la scorsa estate in Tunisia, per frequentare dei corsi di lingua araba in una delle più antiche Università e per condividere la vita della gente, entrare nella cultura, Foto0003comprendere "dal di dentro". Ecco il racconto della sua esperienza.

"Come stai?", "Bene!", si salutano così i tunisini come tutti i popoli. In realtà, la risposta contiene un significato più profondo che richiama la parola "vivere", letteralmente: "Che tu possa vivere a lungo!" Questa parola utilizzata continuamente contiene un implicito desiderio di vita, di cambiamento, di libertà, come dicono loro stessi, all'alba della Primavera araba.

Leggi tutto...

Sottocategorie

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.