Stampa

DAL CAMMINO ALLA CORSA / 6 LA CORSA E LA FORZA DELLO SPIRITO

foto robyNon è semplicemente una questione di tempo.
Sono passati due millenni e la domanda del tempo rimane attuale: anzi forse si fa ancora più stringente, perché lo sappiamo, noi di tempo non ne abbiamo mai abbastanza: «Signore è questo il tempo?» Oggi aggiungeremmo una nota: «Dovresti dircelo Signore, perché sai, noi, non abbiamo tempo! Non lo diciamo con presunzione o con la pretesa di sapere, ma per la necessità di organizzarci, di arrivare preparati… Sai Signore, noi non abbiamo tempo, abbiamo solo 24 ore e le cose da fare sono tante, tutte importanti, tutte prioritarie. Allora abbiamo bisogno di sapere se è questo il tempo in cui dobbiamo attrezzarci, in cui dobbiamo essere pronti...non vogliamo mancare, vogliamo esserti accanto, ma sai ci sono tante cose tra cui scegliere…»

Leggi tutto...

Stampa

DAL CAMMINO ALLA CORSA / 5 TIMOTEO E LO SPIRITO DI FORZA

articolo 6 AlbinaOgni padre, al termine della sua vita, suole consegnare al proprio figlio gli orientamenti di vita, e quindi anche di fede, più veri e più importanti che, a sua volta, hanno accompagnato le vicende della propria vita perché anche il giovane possa condurre una esistenza piena e felice.
Così fa anche Paolo nei confronti di Timoteo, appartenente alla comunità di Listra e suo collaboratore in diversi viaggi apostolici, ma prima di tutto “figlio carissimo”.
Secondo la maggioranza degli esegeti, questa lettera dovrebbe essere l’ultimo scritto di Paolo prima di morire.
Nonostante la sua giovane età, Paolo aveva affidato a Timoteo la responsabilità di reggere la comunità di Efeso. Conoscono entrambi le difficoltà della missione.

Leggi tutto...

Stampa

DAL CAMMINO ALLA CORSA/4 La corsa e la forza di Paolo: “Quando sono debole è allora che sono forte”

articolo 5 M. Grazia 1Mi sembra ardito, da parte mia, proporre “la corsa e la forza” dell’Apostolo delle Genti in una paginetta. Mi parrebbe non prendere sul serio la testimonianza di questo Testimone della Fede, che per noi è anche Padre e Maestro di vita spirituale.Sono convinta che il “personaggio” protagonista di questa settimana meriti molto di più!Occorrerebbe, armati di pazienza e soprattutto di passione per cogliere il segreto di Saulo di Tarso, divenuto “Paolo, apostolo e servo di Cristo Gesù per volontà di Dio…” (Efesini 1,1), attraversare e leggere le sue lettere con attenzione: sentiremmo nascere un cuore il desiderio di imparare, noi tutti, da san Paolo a recuperare l’entusiasmo (che è un dono dello Spirito Santo da chiedere) nel nostro cammino cristiano.L’antico testo della Didachè (IV,2) afferma: “Cercate ogni giorno il volto dei santi e trovate riposo nei loro discorsi», perché essi ci sono di edificazione e di esempio di vita.
Abbiamo ricevuto in dono la fede, ci è stata trasmessa, abbiamo creduto. Da giovani e adulti stiamo credendo, la stiamo “personalizzando”, facendola nostra, la vogliamo conservare e correre in questo cammino verso la mèta, il faccia-a-faccia con Cristo e la pienezza di vita con Lui.

Leggi tutto...

Stampa

DAL CAMMINO ALLA CORSA: È RISORTO CRISTO!

rexIl testo di questo canto pasquale si apre con un’immagine di luce e con la dichiarazione di una svolta, con l’annuncio di un nuovo inizio “È un alba nuova, risorto è Gesù”
Sì, perché la Pasqua è l’irruzione (“rubando” le parole e alcuni spunti all’omelia pasquale del 2013 di Francesco Muraglia, patriarca di Venezia), nella storia, della salvezza cristiana.
La fede nasce in questo giorno in cui Cristo vince la morte: la vera realtà si fa strada, così, nella storia di uomini.
L’intera creazione ne viene rinnovata – il tempo, la natura, gli eventi piccoli della vita individuale o quelli grandi a livello di collettività - tutto assume un significato nuovo. Cristo ha raggiunto la “definitività” e noi ne siamo testimoni.
La nostra gioia, di cui avvertiamo l’urgenza di annunciare al mondo, non può che sgorgare da questa radicale novità.

Leggi tutto...

Stampa

DAL CAMMINO ALLA CORSA / 3 Tornare senza indugio al luogo del delitto

articolo 3 Silvia M autore ArcabasSi può dimorare nel luogo del dolore?
Si può permanere laddove è esplosa la violenza?
Si può persistere nello spazio in cui è stata crocifissa la speranza?

«Le Tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono… sono pure dei discepoli di Cristo». L’evangelista Luca sembra volerci comunicare che dall’esperienza dell’afflizione, perfino i seguaci di Gesù prendono le distanze. I discepoli, dopo la morte cruenta del Maestro, si muovono in direzione opposta - con un certo disincanto - verso Emmaus, la città il cui nome “primavera mite” esprime la ricerca di una tregua dallo spasmo del male. Ma la geografia del territorio ci rivela un cammino lento e in salita!

Leggi tutto...

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.