Stampa

LA SITUAZIONE È OCCASIONE / 2: L’AVVENTO PEDAGOGIA DELLA SPERANZA CRISTIANA

IMG 20191102 WA0004Anche quest’anno le luminarie sono arrivate prima…

Prima della novena di Natale e dell’Immacolata, prima dell’Avvento, addirittura prima del ‘periodo dei morti’!

Mi colpisce questo anticipo continuo del Natale segnalato dalle luci su strade e centri commerciali; non sarà lontano il tempo in cui sentiremo di panettone sulle spiagge di ferragosto o alla ripresa delle scuole. Non credo sia solo un’abile mossa di marketing. Potrebbe essere qualche cosa di più sottile: quasi un volere alimentare una sorta di facile ‘buonismo’. La società del successo, ma anche della prepotenza e dell’ingiustizia, nasconde eventuali rimorsi o sensi di colpa facendo credere che a Natale si diventa comunque più buoni, come fanciulli innocenti: “una sorta di regressione generalizzata, infantile, provvisoria e consumistica”.

Come dice l’Arcivescovo non è facile resistere alla pressione di molte agenzie, “alleate per la banalizzazione del mistero dell’Incarnazione. Cene sociali, spettacoli di Natale, concerti e cori…

In parrocchia, a volte, ho la tentazione di non mettere nel calendario di dicembre catechesi e momenti di preghiera per non rischiare il flop di presenze: genitori e adolescenti subiscono improvvise malattie e impegni non prorogabili; i ‘cristiani’ sono bravissimi ad elaborare scuse, se non vere e proprie bugie, per giustificare assenze e ritardi.

“I cristiani, celebrando i santi misteri nella liturgia, entrano nella comunione trinitaria … in attesa del ritorno glorioso del Signore”. Potrebbero sembrare parole lontane, se come fedeli non attingessimo alla liturgia, “esperienza di grazia che trasfigura la vita dei credenti”.

Per questo anche quest’anno, senza scoraggiamento, preparerò con cura la novena di Natale perché i bambini della catechesi possano “raccogliere il messaggio della nascita di Gesù ed evocare i sentimenti del presepe”. Per questo, accoglierò e farò vivere le ferie prenatalizie come occasione “per la contemplazione, la preparazione alla confessione, la consapevolezza della dignità di ogni persona chiamata a conformarsi al figlio di Dio che si è fatto figlio dell’uomo”.

È questa la pedagogia della speranza cristiana a cui ci chiama l’Avvento di Gesù!

                                                                                                                                                         Maria Teresa Villa
Stampa

LA SITUAZIONE È OCCASIONE / 1: ASPETTATIVA E SPERANZA

img 20191030 wa0007 1Volentieri, quasi docilmente, mi fermo, faccio sosta e cerco di non lasciarmi sfuggire l’occasione di questo Tempo d’Avvento che anche quest’anno ci è dato per comprendere ed accogliere un frammento in più del mistero della Vita nella quale siamo immersi.

E’ il tempo dell’attesa è l’alba della vita, verrà per te che speri la gloria del Signore

Avvento: tempo dell’attesa!

Cosa vuol dire per noi che apparteniamo a questo mondo sempre di fretta, che accorcia le distanze, che cerca risposte immediate; per noi che progettiamo, calcoliamo, organizziamo ogni cosa?

Diciamocelo pure non è facile attendere!

Non è facile lasciarci stupire dall’azione di Dio che ci educa come popolo, che ci offre la sua alleanza, che ci chiama alla sua sequela.

Credo che proprio l’Avvento possa essere quel tempo provvidenziale per tener viva l’attesa di quell’Altro/altro che viene “ad abitare in mezzo a noi” proprio in mezzo alla nostra fretta, ai nostri calcoli, ai nostri progetti.

 

E’ il tempo per aprirsi al desiderio di Dio perché “Ecco io sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me” (Ap 3,20)

Che bello sentire e credere con tutto noi stessi che il Signore bussa nelle nostre giornate per riempire di senso ogni momento che viviamo, ogni incontro, ogni situazione e così aprirci a quella speranza che “nasce dall’accogliere la Parola che viene da Dio e chiama alla vita, alla vita eterna.”

 

Nel mio servizio quotidiano riconosco la grazia dell’incontro con tante persone, accolgo nei diversi cammini la presenza del Signore che è promessa per la vita di ciascuno, che è speranza per i cuori in fatica, che è gioia per chi si apre ad esperienze di gratuità e di servizio.

Per me, per te, per tutti, questo Avvento sia cammino, attesa abitata dalla relazione col Signore, sia apertura alla condivisione con ogni persona che incontriamo, sia accoglienza di qualche cambiamento per il bene così che “Sarà la tua vita un nuovo lieto annuncio: per tutti è nato Cristo e tutti vuol salvare”

                                                                                                  Cristina Fumagalli, in servizio presso Caritas Ambrosiana
Stampa

AVVENTO 2019: La situazione è occasione

avvento introL'Avvento è l'itinerario che il cristiano è chiamato a compiere attraverso due esercizi spirituali: quello della contemplazione dell'Incarnazione e quello dell'attesa della Parusia.
In questo tempo prezioso vogliamo farci guidare dal Vescovo, colui che nella Diocesi ha la responsabilità di accompagnare il popolo di Dio all'incontro con il Signore. 
Ogni settimana, come luce nel cammino, offriremo la sua e la nostra riflessione a partire dalla Lettera pastorale "La situazione è occasione".
 
domenica 17 novembre: L’aspettativa e la speranza
domenica 24 novembre:  L’avvento pedagogia della speranza
domenica 1 dicembre:  Imparare a pregare: “Venga il tuo Regno”
domenica 8 dicembre: Il segno della vita consacrata
domenica 15 dicembre: La fecondità della Vergine Maria
domenica 22 dicembre: La fatica del tempo

L'articolo sarà on line a partire dal venerdì precedente la domenica indicata.
Stampa

AVVENTO 2019: La situazione è occasione

avvento introL'Avvento è l'itinerario che il cristiano è chiamato a compiere attraverso due esercizi spirituali: quello della contemplazione dell'Incarnazione e quello dell'attesa della Parusia.
In questo tempo prezioso vogliamo farci guidare dal Vescovo, colui che nella Diocesi ha la responsabilità di accompagnare il popolo di Dio all'incontro con il Signore. 
Ogni settimana, come luce nel cammino, offriremo la sua e la nostra riflessione a partire dalla Lettera pastorale "La situazione è occasione".
 
domenica 17 novembre: L’aspettativa e la speranza
domenica 24 novembre:  L’avvento pedagogia della speranza
domenica 1 dicembre:  Imparare a pregare: “Venga il tuo Regno”
domenica 8 dicembre: Il segno della vita consacrata
domenica 15 dicembre: La fecondità della Vergine Maria
domenica 22 dicembre: La fatica del tempo

L'articolo sarà on line a partire dal venerdì precedente la domenica indicata.
Stampa

DAL CAMMINO ALLA CORSA / 6 LA CORSA E LA FORZA DELLO SPIRITO

foto robyNon è semplicemente una questione di tempo.
Sono passati due millenni e la domanda del tempo rimane attuale: anzi forse si fa ancora più stringente, perché lo sappiamo, noi di tempo non ne abbiamo mai abbastanza: «Signore è questo il tempo?» Oggi aggiungeremmo una nota: «Dovresti dircelo Signore, perché sai, noi, non abbiamo tempo! Non lo diciamo con presunzione o con la pretesa di sapere, ma per la necessità di organizzarci, di arrivare preparati… Sai Signore, noi non abbiamo tempo, abbiamo solo 24 ore e le cose da fare sono tante, tutte importanti, tutte prioritarie. Allora abbiamo bisogno di sapere se è questo il tempo in cui dobbiamo attrezzarci, in cui dobbiamo essere pronti...non vogliamo mancare, vogliamo esserti accanto, ma sai ci sono tante cose tra cui scegliere…»

Leggi tutto...

Speciale Quarantesimo

LOGO 40 Ausiliarie Diocesane

Il logo

Programma del 40esimo

AUSILIARIE DIOCESANE: 40 anni di «GRAZIE»

L'Arcivescovo alle Ausiliarie: «Questo è il tempo della vostra missione»

Video: Ausiliarie diocesane: «Testimoni coraggiose della vita consacrata»

NEW Programma del convegno: Il piacere spirituale di essere popolo

Attualità

Percorsi

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 37 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.