Stampa

COME SE VEDESSERO L'INVISIBILE: 56° Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni

Poster GMPV 2019Ci uniamo alla preghiera della Chiesa per le vocazioni, condividendo con voi le parole  nella Direttrice del Centro Diocesano Vocazioni e dei luoghi di preghiera in alcuni luoghi della Diocesi: parrocchie e realtà di vita consacrata presenti sul territorio.

Guarda i luoghi della preghiera

Il pensiero di Claudia Ciotti, Direttrice del CDV di Milano

Stampa

Global Strike for future

Noi Ausiliarie siamo fra i giovani del nostro tempo, quelli che la Chiesa ha da poco messo al centro del proprio interesse attraverso il Sinodo dei Vescovi. Siamo anche al loro fianco nel frizzante (senza aggiunta di CO2!) appello espresso venerdì 15 marzo 2019 in più di 2000 piazze del mondo.

Una miscela di vivaci colori e comunicazioni - rigorosamente espresse su cartoni riciclati - hanno fatto seguito alla convincente protesta di Greta Thunberg. La sedicenne svedese che dall’estate scorsa ha dato inizio allo “sciopero della scuola per il clima”, ha raggiunto le generazioni social con la sua personalità coraggiosa e determinata.

Le denunce manifestate dalla ragazzina con le trecce alla Conferenza delle Parti di Katowice – città natale di Giovanni Paolo II - sono scomode: la crescita illimitata, privilegio dei pochi che accumulano ricchezze e vivono nel lusso, sacrifica la civiltà intera. Fu proprio in quella occasione che diede avvio al sogno di radunare la popolazione per la causa climatica asserendo ferma che “il vero potere appartiene alla gente”.

Un appello dunque che va ben oltre l’emergenza dell’“effetto serra” e che affonda le sue radici negli squilibri che contribuiscono ad allargare la distanza fra ricchi e miseri. Ella stessa ha annesso un forte richiamo alla responsabilità individuale che ha saputo intercettare la stima di molti coetanei.

Dall’interno della scuola ho colto non semplicemente adesioni alle idee di Greta, ma anche interrogativi dei più giovani su come poter mettere in atto un cambiamento dal basso.

Proprio le giovani generazioni ritengono tuttavia irrinunciabili, da parte di chi ne ha il potere, scelte ardite di cambiamento rispetto ai criteri economici, politici, comunicativi e strategici.

Leggi tutto...

Stampa

Incaricati di pastorale giovanile: il Sinodo sui giovani

Sinodo dei Vescovi sui giovani 2018 GiovaniESPERIENZA, PUNTI FERMI E PROSPETTIVE


“Un dono grande”. Così don Rossano Sala, prete salesiano, Segretario Speciale del Sinodo sui Giovani, ha definito l’esperienza del Sinodo iniziata già dall’ottobre 2016. Sabato 23 febbraio ha incontrato gli incaricati di Pastorale Giovanile e ci ha raccontato con passione cosa ha visto e come ha vissuto questa esperienza.
Un dono grande per l’esperienza di universalità, di comunione, di umiltà :
Universalità: giovani e Vescovi, Chiesa di antica fondazione e chiese minoritarie e perseguitate. Una Chiesa veramente cattolica!
Comunione: un grande momento di unità della Chiesa nella diversità. La presenza dei giovani ha dato spinte di concretezza e gioia, il clima sereno durante le assemblee e nei momenti liberi o conviviali ha permesso un dialogo e un ascolto sinceri.
Umiltà: un cammino di umiliazione che ha portato la Chiesa a riconoscere che il problema serio non sono i giovani lontani ma gli adulti che i giovani hanno davanti, spesso cristiani troppo annacquati, poco discepoli di Gesù.
Don Rossano ha raccolto i principali temi in alcune “costellazioni di senso” per dare uno sguardo d’insieme.

Leggi tutto...

Stampa

Attesa e responsabilità per una Chiesa più credibile e coraggiosa

occhiCome ormai abbiamo appreso da tutti gli organi di stampa dal 21 al 24 febbraio il Papa ha convocato un incontro con i presidenti delle conferenze episcopali di tutto il mondo intorno al tema della protezione dei minori nella Chiesa.
Qualcuno ha definito questo appuntamento un «piccolo sinodo», ma certamente il tema si impone all’attenzione di tutto il popolo di Dio per la sua urgenza e delicatezza.

Il Papa, lo scorso agosto nella Lettera al popolo di Dio, proprio sul tema degli abusi, affermava che «la dimensione e la grandezza degli avvenimenti esige di farsi carico di questo fatto in maniera globale e comunitaria. Benché sia importante e necessario in ogni cammino di conversione prendere coscienza dell’accaduto questo da sé non basta». Francesco ha rivolto un appello accorato a ciascun battezzato per collaborare «alla trasformazione ecclesiale e sociale di cui abbiamo bisogno».

Come donne di Chiesa desideriamo collaborare in modo attivo e responsabile a questo cambiamento in atto, nutrendo una attesa e assumendoci la responsabilità che ci compete.

Leggi tutto...

Stampa

Jihad interiore e comandamento dell'amore: il Papa negli Emirati arabi

EmiratiIl Documento sulla Fratellanza umana, che ho firmato oggi ad Abu Dhabi col mio fratello il Grande Imam di Al-Azhar, invita tutte le persone che portano nel cuore la fede in Dio e la fede nella fratellanza umana a unirsi e a lavorare insieme.

Con questo post condiviso su twitter papa Francesco commenta il momento storico a cui abbiamo assistito nei giorni scorsi; sono parole che racchiudono il senso e la profezia di questo viaggio.

La prima visita di un pontefice negli Emirati Arabi, culla dell’Islam, che avviene 800 anni dopo l’incontro tra San Francesco e il sultano Malik al-Kamil, porta infatti con sè qualcosa di straordinario e nuovo che merita attenzione: lontano dall’essere un semplice incontro formale o di cortesia, esso è realmente animato da uno spirito innovativo e segna un importante e decisivo passo nel cammino del dialogo interreligioso e nella costruzione di nuove forme di convivenza sociale e di pace tra i popoli.

Leggi tutto...

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.