Stampa

ANDARE IN PROFONDITÀ/2: “Chi vede me vede il Padre”

Stupisce e affascina nel vangelo di Giovanni l’insistenza con cui Gesù “rimanda” continuamente al Padre e “osa identificarsi” con Lui.

La questione è di universale rilevanza perché tutti si sono interrogati - o prima o poi si interrogano - sulla possibilità di “conoscere Dio”, sulla sua esistenza e la sua “identità”. Quel “mistero” che è la vita, prima o poi, solleva la domanda.

Come faccio a credere se non “vedo”? Ecco: nei limiti della possibilità umana di comprendere e della possibilità di Dio di comunicare all’uomo, Gesù ci è venuto incontro per “rispondere” a questa domanda, per corrispondere al più profondo (anche se spesso inconfessato) anelito del cuore dell’uomo: chi è Dio e come posso conoscerlo e quindi incontrarlo?

Tante cose nella storia si sono dette e fatte “nel nome di Dio”, molte delle quali aberranti, distruttive della vita, di quella vita che Gesù è venuto a portare in pienezza, e lesive della “verità”, una verità fatta di parole e gesti, fatta “persona” e non pura astrazione intellettuale.

Ma Gesù resta lì, “fissato” nel suo Vangelo, nella sua “buona notizia” per l’umanità intera, e “vivente”, straordinariamente vivente in chi fa propria la Sua “verità”, che è vita donata per amore.

Tante e spesso imprevedibili sono le traduzioni possibili dell’amore ma unico è il suo “parametro” e il suo significato: una vita spesa e non trattenuta per sé, non difesa dagli altri, visti come nemici e concorrenti invece che come fratelli, figli dello stesso Padre.

Leggi tutto...

Stampa

ANDARE IN PROFONDITÀ/1: Oltre la nube

Ascoltare il vangelo della Trasfigurazione secondo Luca ci rende testimoni di quanto rivelato dal Padre sul Monte. Si avverte quasi un sentimento di timore e tremore ad avvicinarsi a questo testo, consapevoli che siamo di fronte ad un mistero che ci supera. Anche a noi, lettori del XXI secolo, viene chiesto di lasciarsi trasfigurare dal segreto di Gesù: è un cambiamento di forma, per entrare nella forma di Gesù.

Di fronte a questo episodio a cui assistono in modo inaspettato, Pietro, Giovanni e Giacomo hanno reazioni varie e crescenti, non facilmente decodificabili.

In primo luogo, i discepoli appaiono “oppressi dal sonno”: in loro abitano sentimenti di fatica, quasi di disgusto e repugnanza. Nel dormiveglia, trovano poi la forza di vedere “la gloria” di Gesù, insieme a Mosè ed Elia. Avviene allora il passaggio da pensieri di pesantezza ed estrema stanchezza ad uno spirito entusiasta che porta ad esprimere desideri di gioia e bellezza. Pietro, addirittura, non vorrebbe più muoversi ed è pronto a dormire fuori. Passaggio tanto intenso quanto repentino. Dopo la luce si entra nella nube oscura e la paura prende il sopravvento.

A questo punto occorre davvero avere il coraggio di scendere in profondità e mettersi in ascolto.

È un ascolto che trasfigura perché defigura, trasforma non il volto o i vestiti, ma il desiderio del cuore. Pietro non dovrà più ascoltare il suo desiderio, ma ascoltare quello di Gesù che è lo stesso del Padre.

Leggi tutto...

Stampa

QUARESIMA 2019: Andare in profondità

introC’è un andare che non conquista spazi in estensione e che corrisponde al tempo degli scavi. Qualcuno lo chiama pellegrinaggio della stasi perché, rimanendo fermi nell’esercizio della contemplazione, si procede nella direzione della profondità, non per il gusto sterile di esplorare quello che sta sotto, ma per avere la forza di stare in piedi.
Solo se sei vivo, ti alzi, ti metti in piedi e cammini… ma non puoi reggerti in altezza se non hai dentro un equilibrio che ti tiene profondamente ancorato ad una base!
Una regola di statica, di dinamica e… di vita troppo semplice, questa, da non essere nemmeno calcolata nei piani di chi vuole a tutti i costi apparire in grandezza. Ma è una tentazione e va smascherata!
Parente stretta di ogni tentazione, la stanchezza si fa sentire, ma non ferma il passo se gli occhi vedono la meta, oltre le ristrettezze delle utilità immediate, banali e solite.
Allenarsi a questo sguardo intelligente, che cerca di leggere dentro la realtà e va oltre le impressioni superficiali, è aprirsi di nuovo alla meraviglia!

Il cammino quaresimale che vi proponiamo seguirà questa pista di approfondimento. Verrà pubblicata una riflessione ogni venerdì.

1 La Trasfigurazione: i discepoli vedono oltre la nube - 15 marzo
2 “Chi vede me, vede il Padre”: vedere Gesù per credere in Cristo Signore - 22 marzo
3 Cominciare a vedere: dedicato a tutti i ciechi guariti da Gesù - 29 marzo
4 Quello che le donne vedono: l’unzione di Betania - 5 aprile
5 Quello che le donne vedono: la deposizione - 12 aprile

Siamo pellegrini e non solo viandanti: è per questo che non disprezziamo la fatica del passo giornaliero e che, in vista della Pasqua, riconosciamo vere, per il popolo di cui siamo parte, le parole del Salmo “cresce lungo il cammino il suo vigore” (Sal 84).

BUONA QUARESIMA!

Stampa

Battesimo di Gesù: Camminare e scendere: Gesù

Ed ecco! Accade anche oggi! Signore tu vieni!

E lo fai con un profilo basso! Come quella prima notte a Betlemme tra i pastori e le greggi o come in quel tuo primo giorno pubblico al Giordano. (“Gesù venne da Nazaret di Galilea”). Signore tu vieni da Nazaret, luogo sconosciuto ai più, ma non alla voce del cielo che parla alla terra.

Non è allora un caso che, lasciato questo luogo, per prima cosa tu abbia attraversato la Galilea e, scendendo sotto il livello del Mare, sia giunto in Giudea, alle rive di quel fiume che significa “scorre sempre più giù”. (“Fu battezzato nel Giordano da Giovanni”).

Ci hai trovato tutti lì, in attesa e in ricerca di qualcuno che si avvicinasse senza vergognarsi di stare con noi. Sei sceso in queste acque di terra e sulla tua pelle si sono scritti, man mano, i nomi di tutti noi! Poi ci hai portati fuori, come si fa tra familiari stretti!

Che gioia per il Padre: ha squarciato i cieli e guardandoti tra noi ha esultato!

E, uscendo dall'acqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito discendere su di lui come una colomba. E si sentì una voce dal cielo: "Tu sei il Figlio mio prediletto, in te mi sono compiaciuto" ( Mc 1,9-11).

In te e con te, il cielo ci ha visti restituiti alla luce.

- Signore Gesù, sei il Dio vicino e anche in questo Natale che abbiamo celebrato, sei sceso nelle profondità della nostra vita, nelle ombre e negli insuccessi della nostra povera umanità.

Sei venuto tra le nostre contraddizioni e infedeltà e hai portato alla luce, il Figlio di Dio che siamo noi. Non stancarti di ricordare al cuore i passi dello scendere che ci rendono fratelli e sorelle.

Amen

Prima di andare, prega con alcuni versetti del Salmo 138

Leggi tutto...

Stampa

Epifania: Ritornare per un’altra via: i Magi

La strada dei Magi, come quella del sole, parte da Oriente.

Questi astrologhi/astronomi provenivano dalla Persia, dalla Siria orientale o forse dall’Arabia. Difficile calcolare la distanza esatta che possono avere percorso in un cammino così inedito. L’evangelista Matteo, al capitolo 2, si limita a dire come “Alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme” (v. 2). Se dovessimo ipotizzare i tempi di percorrenza potremmo calcolare che la distanza tra Teheran e Gerusalemme (1600 km) comporta circa un mese di strada. Lavorando ancora nel campo delle ipotesi, potremmo dedurre che passarono circa due anni tra la prima visione della misteriosa stella e l’arrivo nella capitale d’Israele; non si spiegherebbe, altrimenti, come mai Erode – sperando di eliminare il Re dei Giudei – abbia ordinato di “uccidere tutti i bambini che … avevano da due anni in giù”(v. 16). In realtà non sappiamo con precisione dove è iniziato il ‘loro’ Oriente, e come mai la strada ha richiesto così tanto tempo: i Magi possono avere viaggiato molto lentamente per gustare con calma ogni passo, potrebbero avere fatto soste prolungate, percorso strade tortuose o – addirittura – perso l’orientamento!

“Nell’immaginario biblico l’Oriente - lì dove sorge il sole - è il luogo dell’originario, dove tutto comincia. In questo senso i Magi sono figura di quanti, muovendo dalle esigenze originarie, costitutive dell’essere umano, vanno verso la Città indissolubilmente congiunta alla rivelazione divina nella storia, Gerusalemme”. (B. Forte)

Se non sappiamo bene quanto abbiano viaggiato, siamo certi che i Magi sono paradigma di ogni onesto cercatore di Dio, mosso dal desiderio sincero e radicale, di incontrare la Verità. I Magi sono pellegrini, non viandanti qualsiasi!

Pellegrino è colui che decide di farsi straniero sulla terra, che parte, lascia sicurezze e comodità per entrare nella precarietà e provvisorietà del cammino. Il pellegrino non può sapere in anticipo quello che troverà lungo il percorso, non sa nulla delle persone che incontrerà, non può ancora quantificare fatica e gioia che sperimenterà. Soprattutto non conosce l’agire della provvidenza di Dio sui suoi passi incerti e faticosi, non immagina i pensieri che Dio gli suggerirà mentre cammina, non può ancora dare volto ai compagni di viaggio del giorno appena cominciato.

Leggi tutto...

Speciale Quarantesimo

LOGO 40 Ausiliarie Diocesane

Il logo

Programma del 40esimo

AUSILIARIE DIOCESANE: 40 anni di «GRAZIE»

L'Arcivescovo alle Ausiliarie: «Questo è il tempo della vostra missione»

Video: Ausiliarie diocesane: «Testimoni coraggiose della vita consacrata»

 

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 67 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.