Stampa

Sante subito! Metti un dado in piazza a San Fedele...

famiglie milano...in un sabato di metà giugno, a pochi passi dal Duomo, in un pomeriggio assolato, ma con una certa brezza che rende il cielo terso e la calura sopportabile. Metti un dado, un percorso sul manto stradale che ricorda il gioco dell'oca, tre tiri per famiglia e la piazza si anima di vociare, di sguardi, di confronti e in qualche caso di confidenze sussurrate. E' il sabato della festa per le famiglie della Diocesi, richiamate dal Vescovo Mario, attorno alla cattedrale per un momento di festa, di ascolto e di preghiera insieme.
Tre piazze attigue accolgono nel pomeriggio piccoli e grandi con stand, giochi, colori e fantasia.
In Piazza San Fedele l'animazione è curata da "Incontro Matrimoniale", "Equipe Notre-Dame", "Retrouvaille" e "Gruppo Acor", realtà di accompagnamento e di sostegno alla famiglia anche in periodi di crisi e separazione.
La coppia con le sue risorse, capacità e conflitti è al centro di questo spazio rappresentativo della vita familiare: il giro dell'oca che occupa la piazza è attorniato da stand in cui altri giochi sottolineano l'importanza di sincronizzare i tempi, insaporire la minestra quotidiana, riconoscere le qualità di ciascuno e ricordare che il nostro corpo parla e ci parla.
Con il primo lancio del dado si apre il giro e come coppia, singolo o famiglia potremmo imbatterci nella casella dell'arrivo di un figlio oppure della sua persistente assenza. Nella casella dell'avvio di una convivenza o della celebrazione di un matrimonio; nel superamento di una crisi o nella perdita del lavoro. Nella casella di un affido o di un'adozione, nella fatica di crescere i figli, così come sono, o nella malattia, nel divorzio o altro ancora. Come reagiremmo in situazioni simili? Nel retro della mappa che ci è stata consegnata, ecco alcune possibili azioni: quali tra queste sarà la nostra? Ne faremmo altre?
Come partecipanti veniamo ospitati in situazioni distanti o vicine al nostro vissuto e siamo posti di fronte a scelte che forse non dovremo mai fare, o forse sì... e il tempo, seppur breve, è sufficiente per fare breccia e aprire uno spazio di dialogo. Non c'è fretta né imbarazzo. Ciò che conta è ricordare che in ogni circostanza della vita, ci rimane la possibilità di una ricerca e di una scelta, tanto più libere quanto più vicine alla verità di noi stessi e degli altri. Non a caso, ci viene consegnato, come ricordo, il motore di ricerca e di sintonizzazione per eccellenza: l'amore di Dio, presente in ogni casella reale della nostra vita. Come a dire, non farne a meno nelle decisioni del presente e del futuro, così che anche il passato possa giovarne... Il Suo è un BENE eterno, inesauribile, attraversa ogni muro anche quello del tempo!

Paola Vitali

 

Attualità

Percorsi

In cammino con la Chiesa

 

Articoli recenti

Speciale Quarantesimo

LOGO 40 Ausiliarie Diocesane

Il logo

Programma del 40esimo

AUSILIARIE DIOCESANE: 40 anni di «GRAZIE»

L'Arcivescovo alle Ausiliarie: «Questo è il tempo della vostra missione»

Video: Ausiliarie diocesane: «Testimoni coraggiose della vita consacrata»

Programma del convegno: Il piacere spirituale di essere popolo

Un appuntamento atteso da quarant'anni: le Ausiliarie Diocesane in udienza da Papa Francesco

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.