Stampa

ANNIVERSARI:Come Israele a Sichem

LauraInvernizzi1Testimonianza di Laura Invernizzi, nel 25' anniversario di consacrazione

Mi accade da qualche tempo: quando alla sera rivedo la mia giornata sono sopraffatta da un sentimento. Mi sento come il popolo di Israele, radunato a Sichem da Giosuè, giunto ormai alla fine della vita, e da lui accompagnato non solo a conquistare la terra promessa, ma anche a rileggere il cammino fatto e a scoprire in esso la presenza costante amorevole del Signore. Riascolto quelle fatidiche parole (che traduco letteralmente) con cui termina l’anamnesi: «Vi diedi una terra per la quale non avete faticato, e città che non avete costruito: voi state abitando in esse! E vigne e oliveti che non avete piantato: voi state mangiando!» (Giosuè 24,13). Io sto mangiando! C’è un’enorme sproporzione tra la fatica della giornata e il frutto; c’è un’enorme sproporzione tra ciò che si lascia e ciò che si trova.


Ogni giorno mi ritrovo a Sichem, ad ascoltare le parole con le quali Giosuè prosegue il discorso: «Sceglietevi oggi chi servire» (Giosuè 24,15). Un tempo dettagliavo la chiamata ricevuta in puntuali cose da fare: venticinque anni dopo resta solo un verbo: «servire».

Sebbene agli occhi del mondo sia svalutato, ne ricavo il senso dalla frequentazione della Bibbia e vedo in esso la disposizione di chi è proteso a cogliere e corrispondere ai desideri di Colui che non è il padrone, ma l’Amato. Le parole di Giosuè mi ricordano che bisogna scegliere chi servire, perché non si è mai preservati dai miraggi e dalle seduzioni di altri “dèi”; mi sollecitano a rinnovare ogni giorno il mio «sì», venticinque anni dopo la prima volta e sempre, nel servizio al Signore e alla Chiesa, a questa Chiesa, dalla quale provengo, nella quale vivo e per la quale soffro, vedendo le fatiche del suo cammino nella storia, e nella quale incontro santi, che vivono il loro ministero come servizio. Mi accade da qualche tempo: quando alla sera rivedo la mia giornata respiro profondamente e ringrazio.

Laura Invernizzi


 


PROPOSTA PASTORALE 2022/2023

KYRIE, ALLELUIA, AMEN: Pregare per vivere, nella Chiesa come discepoli di Gesù

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Speciale Quarantesimo

LOGO 40 Ausiliarie Diocesane

Il logo

Programma del 40esimo

AUSILIARIE DIOCESANE: 40 anni di «GRAZIE»

L'Arcivescovo alle Ausiliarie: «Questo è il tempo della vostra missione»

Video: Ausiliarie diocesane: «Testimoni coraggiose della vita consacrata»

Programma del convegno: Il piacere spirituale di essere popolo

Un appuntamento atteso da quarant'anni: le Ausiliarie Diocesane in udienza da Papa Francesco

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.