Stampa

AVVENTO/3: La ricchezza degli stolti

Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. 17Egli ragionava tra sé: «Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? 18Farò così - disse -: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. 19Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!». 20Ma Dio gli disse: «Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita.                                                                                                                  E quello che hai preparato, di chi sarà?». 21Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».   (Lc 12,16-21)

Migliaia di persone si sono radunate attorno a Gesù, annota Luca, “al punto che si calpestavano a vicenda”. Gesù ha una parola anzitutto per i suoi discepoli, li mette in guardia dall’ipocrisia, esortandoli a non avere timore di Dio che si prende cura anche dei nostri capelli; ma poi ecco da uno della folla una domanda inattesa. “Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità”.


Non ci sorprende la richiesta. Spesso anche noi, in qualcosa che ci sta a cuore, coinvolgiamo Gesù a nostro favore contro un altro.  In Lc 10,40 Marta, ricordiamo, aveva chiesto l’intervento di Gesù per avere l’aiuto della sorella Maria.

Anche in questa situazione Gesù non dà una risposta come vorremmo, ma fa un affondo sulla cupidigia, sul desiderio di possedere che però non ci rende più importanti di fronte a Dio e racconta una parabola.

Protagonista un uomo ricco, ma stolto.

Gesù sembra condividere la prima parte del ragionamento del ricco: è saggio ingrandire i magazzini per non disperdere e mandare a male tutto “quel ben di Dio” raccolto.

In Genesi 41, 35 si legge che anche Giuseppe, prevedendo la carestia nel paese d’Egitto, fece ammassare il grano per tenerlo in deposito e poter sfamare la gente.

Ma da dove nasce allora la stoltezza?

Dal pensare di costruirsi il proprio futuro personale esclusivamente a partire dai beni materiali. “Riposati, mangia, bevi e divertiti” senza pensare minimamente alla direzione e al senso della propria esistenza. Il pensiero di Dio e della morte, come limite, non sfiorano la mente del ricco.

Stolto è allora l’uomo quando accumula sempre di più in modo egoistico. I verbi usati, da notare, sono al singolare! Stolti siamo noi quando pensiamo che il possedere ci metta al riparo da tutto e da tutti.

Saggio è colui che riconosce con gratitudine di aver ricevuto tanto e si dispone a mettere a disposizione dei fratelli i beni ricevuti. Saggi siamo quando viviamo secondo la dinamica del dono che è proprio dello stile del Padre di Gesù.
 
Da cosa faccio dipendere la riuscita della mia vita, dove ripongo la mia sicurezza?

L’Avvento, il tempo che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo tutt’ora, ci richiama alla provvisorietà, alle cose ultime e queste non sono sicuramente le ricchezze di questo mondo.

Guardo in silenzio il presepe e penso al tuo nascere in mezzo a noi. Ti chiedo, Signore, di liberarci dalla tentazione di pensare solo a noi stessi! Insegnaci il giusto distacco dalle ricchezze perché ne sappiamo usare e condividere come beni per gli altri che sono nostri fratelli e sorelle. Fà che troviamo in te ristoro, riposo e gioia!

                                                                                                                                                   Albina Daccò

                                                                                                 Parrocchia Maria Ausiliatrice, San Giuliano Milanese

Attualità

Percorsi

Speciale Quarantesimo

LOGO 40 Ausiliarie Diocesane

Il logo

Programma del 40esimo

AUSILIARIE DIOCESANE: 40 anni di «GRAZIE»

L'Arcivescovo alle Ausiliarie: «Questo è il tempo della vostra missione»

Video: Ausiliarie diocesane: «Testimoni coraggiose della vita consacrata»

Programma del convegno: Il piacere spirituale di essere popolo

NEW Un appuntamento atteso da quarant'anni: le Ausiliarie Diocesane in udienza da Papa Francesco

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.