Stampa

Verso la Pasqua 6 - Deposto dalla Croce

6.deposizione bozzettoGiuseppe entra in scena a cose fatte. Discepolo nascosto, egli era un uomo ricco di Arimatea, seppure membro del sinedrio, non aveva approvato la condanna a morte di Gesù. Quando tutto pare finito, quando sembra che tutto ciò che si sarebbe potuto fare sia ormai impossibile, Giuseppe va da Pilato.
I vangeli di Matteo di Marco e di Luca riescono ad esprimere, con una particolare forma del verbo (tecnicamente un medio indiretto) il grande affetto che accompagna l’agire di Giuseppe: davanti al governatore romano egli non si limita a chiedere in modo generico, ma chiede per sé il corpo di Gesù (Mt 27,58; Mc 15,43; Lc 23,52). Ottenutolo compra un lenzuolo (Mc 15,46), vi avvolge il corpo di Gesù e lo depone nel sepolcro che aveva preparato per sé (Mt 27,60).
Il Vangelo di Giovanni ricorda che con Giuseppe andò anche un altro discepolo, che non era riuscito a decidersi per Gesù prima (Gv 19,39). Dopo la morte di Gesù, però, questi fa un gesto di grande generosità nei confronti del Maestro, portando trenta chili di profumi oleosi ed escludendosi, di fatto, dal celebrare la Pasqua ebraica in quei giorni, a causa del contatto con un cadavere (potrà celebrarla il mese seguente, cf. Nm 9,10). Una generosità esagerata, inutile e in perdita quella di Nicodemo, come quella di Giuseppe: essi, però, entrano in contatto profondissimo con il dono della vita di Gesù, che passa a loro (nella tomba di Giuseppe, entra Gesù) e si palesano discepoli.

A volte anche nel servire la Chiesa, il corpo mistico di Cristo, si ha l’impressione di non poter fare quello che si è in grado di fare, di essere fuori tempo, di spendere un’eccessiva quantità di energie; la tentazione è sempre quella di pensare che occorrano condizioni migliori per servire. In quei momenti, lo sento, è il Signore che mi serve e mi dona di condividere la sua vita, mentre lo stringo tra le mani.

Laura Invernizzi, Ausiliaria diocesana

Nell’immagine: Safet Zec, Bozzetto per la deposizione, 2013-2014
tempera e collage su tela

Speciale Quarantesimo

LOGO 40 Ausiliarie Diocesane

Il logo

Programma del 40esimo

AUSILIARIE DIOCESANE: 40 anni di «GRAZIE»

L'Arcivescovo alle Ausiliarie: «Questo è il tempo della vostra missione»

Video: Ausiliarie diocesane: «Testimoni coraggiose della vita consacrata»

 

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.