Stampa

Tu sei l’atteso! – 5. Grido per la salvezza

 Ci sono vite che parlano! Anche senza troppi discorsi.
 Irradiano fascino, comunicano senso, suscitano Speranza. Non brillano di luce   propria,   ma riflettono una luce altra. Sono dunque una minaccia per le   tenebre. Per questo le   esistenze profetiche inquietano le coscienze sopite e   insieme attirano su di sé   minacciosi   sospetti.
 Così Giovanni, “testimone” (martire a dire il vero nell’originale greco!  ) della luce di   Gesù,   invita  alla conversione e innesca, suo malgrado, l’inchiesta che lo vede   protagonista.  Pressato   dalle autorità giudaiche e dai loro inviati, il Battista descrive sé   stesso mediante la ricerca della   verità e la percezione di una sproporzione. Questo gli   consente di trovare la propria identità.

Egli sa di essere parola animata dal Verbo. Si conosce come voce che amplifica il   grido per “Colui che deve venire”. Silenzia così gli inquirenti, traendo una nuova occasione di comunicare. Chi annuncia? Unito ai richiami dei testimoni della storia, il grido si dilata: prepariamo la via a Colui che immerge nello Spirito… Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

Gv 1,19-28

Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose:

«Io sono voce di uno che grida nel deserto:

Rendete diritta la via del Signore,

come disse il profeta Isaia».

Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.
Silvia Meroni, Ausiliaria diocesana.

Il logo del 40esimo

IMG 20190328 WA0002

clicca sull'immagine per ingrandire

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.