Stampa

R-estate GIOVANI! - 7. INSEGNAMENTI

Un giovane domanda di essere ascoltato, perché gli interessa un confronto autorevole e sincero.

"L'ascolto è di gran lunga il dono più grande che devi chiedere a Dio. Dovrebbe abitare il credente fin dall'origine: prima di essere definito dalla fede, dalla preghiera o dalle opere, il credente è uno che si esercita nell'arte dell'ascolto. É il primo rapporto che lo lega a Dio. (...) E dinanzi al Dio che parla, la creatura umana è chiamata ad essere ascolto." (E.Bianchi, Lettera a un amico sulla vita spirituale)

La Parola di Dio richiede un esercizio di ascolto umile, aiuta a confrontarsi coi pensieri di Dio.
Colui che è capace di ascolto diventa grande!

Dalla Prima lettera di San Paolo a Timoteo (1Tm 4, 11-16)

11E tu prescrivi queste cose e insegnale. 12Nessuno disprezzi la tua giovane età, ma sii di esempio ai fedeli nel parlare, nel comportamento, nella carità, nella fede, nella purezza. 13In attesa del mio arrivo, dedicati alla lettura, all’esortazione e all’insegnamento. 14Non trascurare il dono che è in te e che ti è stato conferito, mediante una parola profetica, con l’imposizione delle mani da parte dei presbiteri. 15Abbi cura di queste cose, dedicati ad esse interamente, perché tutti vedano il tuo progresso. 16Vigila su te stesso e sul tuo insegnamento e sii perseverante: così facendo, salverai te stesso e quelli che ti ascoltano.

San Paolo sta scrivendo a Timoteo, a cui ha affidato la responsabilità della comunità di Efeso. A lui pare dire: agisci con coraggio, sii chiaro, deciso! Scrollati di dosso timidezza e giovane età!
A quell'epoca Timoteo ha circa 35 anni (dunque, non propriamente un giovane come lo intendiamo oggi) ed è chiamato ad essere guida – cioè vescovo – di una Chiesa molto amata da Paolo.
Ciò che comunque manca a Timoteo in età nei confronti di un anziano (presbitero), è sostituito da una condotta di vita esemplare "nel parlare, nel comportamento, nella carità, nella fede, nella purezza".
Il consiglio di Paolo è di prepararsi e formarsi a questo compito. Come? Leggendo, esortando ed insegnando. Una buona regola di vita che permette di progredire nel cammino e vigilare su di sé e sugli altri.
Il dono gratuito del charisma rende possibile, anche sulla lunga distanza, che una comunità abbia capi e maestri, cioè quelli che ascoltano, pare suggerire Paolo nelle sue conclusioni!
L’autorevolezza non dipende dall’età, ma dallo stile di vita: Timoteo dovrà allenare se stesso per poi allenare i suoi fedeli. La vera maturità non è data dall'età, ma dalla virtù esercitata. Il progresso personale di Timoteo è in relazione con quello della comunità da lui governata!

Papa Francesco ha preso spunto proprio da questo testo per parlare ai giovani italiani, a conclusione del Convegno di Firenze del novembre 2015. "Faccio appello soprattutto a voi, giovani: che nessuno disprezzi la vostra giovinezza, ma imparate ad essere modelli nel parlare e nell’agire. Vi chiedo di essere costruttori dell’Italia, di mettervi al lavoro per una Italia migliore. Non guardate dal balcone la vita, ma impegnatevi, immergetevi nell’ampio dialogo sociale e politico. Le mani della vostra fede si alzino verso il cielo, ma lo facciano mentre edificano una città costruita su rapporti in cui l’amore di Dio è il fondamento. E così sarete liberi di accettare le sfide dell’oggi, di vivere i cambiamenti e le trasformazioni."

Per la riflessione

1 - Noi grandi permettiamo ai giovani di crescere? Riusciamo ad affidare loro oggi piccoli compiti e responsabilità che allenano a maturare? Lasciamo spazio a quelli di giovane età?

2 - E tu, giovane d'oggi, sei consapevole che domani toccherà a te guidare la comunità ?

Preghiera finale
Signore, mantienici sempre al Tuo servizio.
La nostra vita sia solo ad esempio Tuo:
il parlare sia schietto e il comportamento corretto,
per credere ed amare la Chiesa in cui ci hai posto.
Rendi forti i giovani e umili gli anziani.
In tutti ravviva il dono dello Spirito
per poter ascoltare ed accogliere Parole sapienti.
Maria Teresa Villa, Ausiliaria diocesana
Stampa

R-estate GIOVANI! - 6. Il desiderio più profondo

Questo breve commento vorrebbe suscitare in te che stai leggendo il desiderio di riflettere su ciò che nella vita vale veramente e la decisione di custodirlo nel cuore e nella mente per dare un senso al tuo essere e al tuo fare quotidiano.

 

 

Leggi tutto...

Stampa

R-estate GIOVANI!- 5. Elogio dei giovani sprovveduti

Restate5È un giovane con addosso -chissà perché?!- soltanto un lenzuolo, l’unico ad avere il coraggio di rimanere al seguito di Gesù, subito dopo l’arresto.
L’evangelista Marco descrive il personaggio con pochi dettagli e ci provoca, in modo del tutto singolare, a scommettere ancora oggi sul bello e sul buono di quegli sprovveduti per definizione che sono i giovani!

Leggi tutto...

Stampa

R-estate GIOVANI!- 4. Mettono ali come aquile

Restate4Un giovane può forse aver bisogno di consolazione? «Hanno tutto!» Si dice oggi di loro, generalizzando necessità e attese. Nel pieno delle risorse, delle prospettive, dei progetti e dei sogni, sembra, al giudizio di molti, che non abbiano alcuna necessità.
Ma la Parola profetica non trascura i giovani. Vuole infondere energia ai loro passi:

Leggi tutto...

Stampa

R-estate GIOVANI! - 3. Grandi sogni

restate3La lettera del “discepolo amato” pervade di speranza il cuore di chi la ascolta. Ci domanda di essere attenti ai doni di Dio seminati nel mondo, nella storia, nella vita in cui abitiamo. Possiamo cogliere l’essere interpellati personalmente e non dire: “sono giovane” (Ger 1,7) per sottrarsi ad una vocazione che ci coinvolge individualmente. Ascoltiamo il brano: 1 Gv 2,12-14

Leggi tutto...

Professione perpetua

locandinaGiusi Valentini farà la professione perpetua il 9 settembre alle 10.30 nella basilica di S.Ambrogio.

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 21 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.