Stampa

Con la definitività della mia consacrazione desidero manifestare la resurrezione di Gesù

GiusiIl 9 settembre dirò «sì» per sempre a Gesù… che mi chiama a seguirlo sulla via dei consigli evangelici. È un sì che nasce da lontano, da quel desiderio profondo di pienezza e di libertà che ha sempre caratterizzato la mia vita di adolescente, di giovane impegnata in oratorio come animatrice, educatrice, entusiasta della vita e di quello a cui mi dedicavo con passione: le relazioni belle, profonde e libere che mi facevano sognare la bellezza di una vita così…

Sì, credo che lì si trovi la sorgente della mia vocazione. In questa direzione si erano mosse anche alcune scelte precedenti, soprattutto lo studio delle lingue, animato dal desiderio di relazionarmi con chi appartiene ad altre culture per scoprire con stupore quanta ricchezza è nascosta nella diversità.

Alcune domande mi hanno guidato e accompagnato in quel periodo: che cosa faccio della mia vita? Come metto in gioco la mia libertà? Qual è il mio modo di amare Gesù? Dopo anni di esperienze intense, che mi hanno fatto crescere umanamente e spiritualmente, mi sono “arresa” di fronte all’amore di Dio, grande e intenso, che ho sentito per me; ho riconosciuto così che quanto mi faceva paura poteva essere invece motivo di gioia; ho scoperto che la volontà del Signore non è altro che vivere il desiderio che abbiamo nel cuore, perché la nostra sia gioia sia piena.

È in quel periodo che ho conosciuto per la prima volta alcune ausiliarie. Ne ho apprezzato fin da subito alcuni aspetti: lo stile di vita, segnato da vicinanza, prossimità, cura pastorale per tutti gli uomini e le donne, in qualsiasi momento della vita; ho scoperto la diocesanità come fonte di spiritualità, luogo in cui si incarna il mistero di Gesù morto e risorto per l’uomo di oggi… Ho sentito anch’io il timore e la gioia delle donne della Risurrezione che, ricevuto l’annuncio, sentono l’urgenza di diffonderlo. Così anni fa ho iniziato il cammino che mi ha portato fin qui, una preparazione lunga, intensa e profonda, che mi ha portato a scegliere la consacrazione e, all’interno di essa, a sviluppare il desiderio di relazione con la diversità, accostando, conoscendo e incontrando il mondo arabo-musulmano.

Leggi tutto...

Stampa

Professione perpetua

locandinaLa comunità delle Ausiliarie diocesane,
in comunione con il popolo di Dio della Chiesa di Milano,
annuncia con grande gioia
la Professione Solenne di Giusi Valentini
nelle mani di S.E. Monsignor Mario Delpini,
 vescovo della Chiesa di Milano, 
sabato 9 settembre alle ore 10,30
nella basilica di S. Ambrogio a Milano.

giusy1 giusy2 
Stampa

Il venticinquesimo è una tappa intermedia

"Per Tutto ciò che è stato, grazie!
Per tutto ciò che sarà, sì." (Dag Hammarskjold)

È l'invito e l'impegno sintetizzato in poche parole da Dag Hammarskjold che, nell'ormai lontano 1992, ci siamo prese quando, nel giorno della nostra prima professione, abbiamo espresso il nostro sì davanti a Dio, nella disponibilità al servizio nella Chiesa di Milano.
L'entusiasmo e il desiderio di dono erano grandi sogni, accompagnati dalla giusta illusione di vedere presto la promessa realizzata (e senza troppa fatica!) nella certezza che il Signore avrebbe fatto la maggior parte.
Ora, a 25 anni di distanza, in occasione di questo particolare anniversario, ci sembra importante rinnovare in ciascuna di noi la profondità di queste parole, rivedendo davanti al Signore quanto abbiamo pronunciato quel 29 agosto.

Leggi tutto...

Stampa

IL DONO E LA RESPONSABILITÀ DEL TEMPO - 45° e 40° anniversario di consacrazione

AngelinaLauraRosa ConcenedoÈ la prima volta che un’Ausiliaria, Angelina, compie 45 anni di consacrazione.
Un anniversario così, unito ai 40 anni di altre due sorelle, Rosa e Laura, è un avvenimento che merita un’attenzione speciale. Esso infatti ci dice che l’esperienza delle Ausiliarie comincia ad avere una storia significativa, che conta un bel numero di anni, non più un piccolo germoglio, ma sta diventando un albero con una certa consistenza.
Ci dice che ci sono sorelle che da tempo sperimentano il dono totale per il servizio pastorale della Chiesa diocesana nella piena disponibilità all’arcivescovo e questo tempo trascorso e questa esperienza ormai lunga possono essere deposito di sapienza per tutte noi. E insieme chiede di assumersi la responsabilità di ripensare questa esperienza, di lasciarla illuminare dalla Parola, di cogliere il filo rosso che l’ha attraversata e l’orizzonte che dischiude, perché la sapienza non è frutto automatico del trascorrere dei giorni.
È proprio per darsi un momento di rilettura e di ringraziamento, ripercorrendo questa esperienza nella preghiera e nella condivisione che il 9 maggio abbiamo vissuto una giornata di ritiro a Concenedo, presso la casa di spiritualità Paolo VI.
A offrire degli spunti per avviare la riflessione è stato don Franco Brovelli, responsabile della casa, che ha preso le mosse da alcuni brani paolini della liturgia della Parola della settimana dopo Pasqua: una scelta particolarmente intrigante per delle Ausiliarie, che nell’incontro col Risorto a Pasqua colgono il punto sorgivo della propria vocazione. L’invito è stato a guardare la propria esperienza e cogliere come la Pasqua l’ha segnata, fatta crescere, modellata; quanto ciascuna ha camminato dietro al Crocifisso Risorto per testimoniarlo nella gioia.

Leggi tutto...

Stampa

Nate dalla Pasqua 4: Seveso, comunità residente

SevesoResidente fotoSiamo Anna, Annarosa, Cristina, Maria e Paola ed insieme formiamo la comunità residente in Seveso. Ci riteniamo una comunità eccezionale, ma non perché siamo migliori delle altre… No, questo no! Siamo eccezionali perché abbiamo almeno due caratteristiche che ci distinguono dalle altre comunità di Ausiliarie diocesane: il numero di sorelle e la nostra abitazione.
Le nostre comunità sono generalmente formate da due, tre, quattro Ausiliarie, mentre noi siamo in cinque! Siamo la comunità più numerosa [in verità ex-aequo con un’altra, ndR]!Questo nostro“record”, che vogliamo sottolineare, ha una ricaduta positiva sulla nostra missione apostolica: per noi una composizione così ampia e variegata, sia dal punto di vista “umano” che di servizi svolti è già una risorsa che arricchisce e sostiene la nostra comunità e ha un’influenza benefica sui nostri singoli servizi: c’è chi opera nelle parrocchie, chi ha “servizi diversi”, chi ha a che fare con bambini e ragazzi e chi con gli adulti, chi è più riflessiva e chi è più pragmatica, chi ha molta fantasia e chi è sempre sul pezzo, ognuna ha i propri difetti, ma insieme siamo una forza!

Leggi tutto...

Sottocategorie

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.