Stampa

La carità pastorale

BuonPastore1Il nostro annuncio della Risurrezione è molto simile a quello di Gesù, il pastore bello, il pastore buono, colui che offre se stesso per le pecore che il Padre affida alle sue cure e che sono entrate a far parte di Lui, del suo cuore, della sua stessa vita. Gioisce delle pecore che lo circondano, cerca quelle che si smarriscono. Non rifiuta di percorrere monti e foreste, attraversa precipizi, è accanto a quella vagabonda e se la trova affaticata è mosso a compassione della sua fatica e, presala sulle spalle, cura la fatica della pecora con la propria fatica. (Basilio di Seleucia, Omelie 26).

Gesù Pastore non ha paura di mescolarsi all'umanità e di stare con i peccatori; Lui, che è senza peccato. Quanto più lontano dal peccato, tanto più è capace di farsi prossimo all'uomo: perché ama l'uomo così, ama la storia e in essa ci insegna a riconoscere il Regno di Dio.

L'amore di pastore che impara dal Padre lo porta fino a morire come pecora per le pecore. (ib.)

Questo gratuito e radicale donarsi di Gesù ci attira in tutta la sua bellezza e ci invita a lasciarci assimilare a Lui, ad entrare nel suo amore.

Chiede di imparare ad amare come Lui: offrire la vita.

Come il pastore che sta in mezzo al suo gregge, ci facciamo madri, sorelle e amiche di ogni uomo e donna (Statuto 20).

Professione perpetua

locandinaGiusi Valentini farà la professione perpetua il 9 settembre alle 10.30 nella basilica di S.Ambrogio.

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.