Stampa

#Firenze2015 Che giorno di Chiesa! - martedì 10.11

Data pubblicazione
Visite: 1329

Firenze5Oggi è stato il giorno di papa Francesco; l’avevo atteso con trepidazione e speranza. Ma imprevedibilmente le parole che risuonano in questi pochi minuti di silenzio prima di cena non sono solo le sue… Sulle sue occorrerà tornare. Un tweet di Spadaro ha definito le sue parole di oggi al convegno una piccola enciclica per la chiesa italiana e altri tweet dicevano che sono parole che ribaltano la Chiesa italiana…occorrerà pensarci su e pregare molto ( ce lo chiede continuamente)…andate a leggervelo vale la pena … ecco il link: http://www.firenze2015.it/ecce-homo/

Il Papa ha concluso il suo discorso facendo riferimento all’angelo che tace e che lascia spazio a Maria e al suo “eccomi”… Lui, il papa, non ha taciuto – è troppo il fuoco che ha dentro – ma ha ripetuto più volte che non è lui a dover dire cosa dobbiamo fare: dovete deciderlo voi pastori e popolo insieme.

Firenze4Oggi è stata la giornata del papa ma le parole che mi risuonano dentro sono quelle di un vescovo su un pullman e sono quelle di alcuni uomini e donne delegati con cui sto condividendo questa esperienza, che hanno sentito quelle tre parole, umiltà, disinteresse e beatitudine, immediatamente per loro e non puntando il dito contro “la chiesa”. Uomini e donne che vedono che la chiesa è fatta di luce più che ombre, uomini e donne che sanno vedere oltre e che sanno avere uno sguardo che rende gli altri buoni e belli. Mi fermo qui ma rinasce in me quel sogno che il papa mi ha confermato di poter continuare a fare “Ecclesia semper reformanda”.

Roberta Casoli,
Ausiliaria diocesana, delegata a #Firenze2015

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.