Stampa

TUALOMBA (grazie in lingua Tonga)

zambia2È la parola che racchiude tutte le emozioni provate nella settimana trascorsa in Zambia.
Sono partita con tante ansie, l’ignoto mi ha messo tanta agitazione ma come sono arrivata a Lusaka e ho visto Suor Maria Teresa e Suor Catherine che erano venute a prendermi per portarmi con loro a Monze tutte le ansie si sono acquietate e hanno lasciato spazio al desiderio di conoscere e di lasciarmi plasmare da questa nuova esperienza.

Le strade con delle buche enormi, che mi facevano sobbalzare nonostante la suora cercasse di evitarle, mi hanno fatto subito capire che anche gli spostamenti in quella terra d’Africa sono problematici appena si esce dalla città. Però accanto a questo la meraviglia suscitata in me dalla natura, ancora molto verde perché appena terminata la stagione delle piogge e appena cominciato l’autunno, non c’era infatti un caldo esagerato. Il tramonto bellissimo e velocissimo e poi il cielo stellato meraviglioso: come non pensare alla creazione, alla creatività di Dio che con tanta perfezione ha disegnato quella immensa natura senza fine. Il senso dell’infinito che spesso sperimento al mare, lì l’ho sperimentato con la terra è una sensazione bellissima.

Il giorno dopo l’arrivo l’incontro con le donne del laboratorio aperto a nome di Silvana*, la sorpresa del loro sorriso,zambia3 dell’accoglienza manifestata con la danza, il dono del citenge (stoffa molto colorata che loro usano in mille modi: (sopra la gonna, sulle spalle se hanno freddo o per portare il proprio bambino…) mi hanno profondamente commosso, sono atteggiamenti che noi abbiamo un po’ dimenticato dovremmo imparare da loro. Sorridono e non hanno nulla, salutano con tanto affetto ogni volta che ti incontrano “Goodmorningsister! How are you?”, la loro generosità…. Sono atteggiamenti che colpiscono molto e sono rimasti impressi nel cuore. Le donne del laboratorio sono impegnate nel fare collane, braccialetti, rosari e borse sia di stoffa che a uncinetto, lavori molto belli e ultimamente avevano venduto molto per cui era rimasta poca roba; da notare che preferiscono lavorare all’aperto mettono una stuoia per terra e si siedono sopra e chiacchierando tra loro producono ciò che poi venderanno.

Sono entrata anche in alcune case dove abbiamo portato la comunione ad alcune malate e anziane e anche solo per far visita a qualche donna. Noi quando andiamo a casa di qualcuno, soprattutto anziani, li troviamo soli; loro, se sono stati avvisati che avrebbero ricevuto la nostra visita, chiamano i loro figli e i loro nipoti come segno di accoglienza e ringraziano in continuazione anche con doni materiali (peperoncino, arachidi, verdura e abbiamo ricevuto anche una gallina): c’è una condivisione straordinaria.

Le suore mi hanno fatto un regalo grandissimo: mi hanno portato a vedere le Cascate Vittoria formate dallo Zambesi a 300zambia4 Km di distanza da Monze: meravigliose!!! Lì ho pensato alla potenza dello Spirito Santo che nella creazione aleggiava sulle acque e al giorno della Pentecoste quando lo Spirito e disceso su Maria e gli Apostoli, la sua forza è capace di fare grandi cose. Il silenzio interrotto solo dalla caduta dell’acqua e qua e là dalla musica africana ha favorito un lungo momento di contemplazione e di questo ringrazio tanto le suore e il Signore che mi ha condotto in terra d’Africa.

Sabato mattina partenza per Chirundu dove la domenica mattina abbiamo vissuto una celebrazione Eucaristica dove la gioia era di casa e la vita della gente si poteva toccare con mano, canti, danze e un’alta partecipazione per ringraziare il missionario fideidonum che finiva il suo mandato e il passaggio della parrocchia al clero locale, la presenza del Vescovo di Monze e questo proprio nel giorno in cui ricorreva il quarto anniversario della morte di Silvana. Le lacrime non si lasciavano fermare… e il grazie saliva alto al Signore Gesù per questa esperienza forse unica… ma non mettiamo limiti alla provvidenza.


Mariangela Possenti


*Silvana Robecchi, ausiliaria diocesana, è morta il 29 aprile 2014. Nel suo testamento aveva lasciato scritto che si pensasse a qualcosa che andasse a beneficio delle donne della diocesi di Monze in Zambia.zambia1

Percorsi

Attualità

Articoli recenti

Area riservata

Chi è online

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.