Stampa

Dopo 25 anni... MARIAGRAZIA

maria graziaAscoltare la voce di Dio con la testa, il cuore, e anche la memoria; è così che ho ascoltato la voce di Dio; non attraverso eventi grandi , ma cercando di ricordare quanto il Signore stava cercando di farmi capire attraverso la mia quotidianità, il vissuto in famiglia, nel rispetto vicendevole, nel lavoro nel servizio in parrocchia. Poi le risposte alle mie domande “chi essere”, “cosa fare”sono arrivate dal vangelo, soprattutto in Gesù che, solo nel campo degli ulivi, trova il coraggio di fare la volontà di Dio per il bene dell’umanità. Dalla meditazione di questa pagina evangelica mi sono chiesta se anch’io fossi capace di dire sì a Dio. Tutto questo è stato un cammino molto lungo, ma consapevole, che mi ha portato, anche attraverso l’aiuto di chi ha guidato e accompagnato il mio cammino di discernimento, a scegliere di consacrare la mia vita al Signore. La scoperta dell’Istituto delle Ausiliarie è avvenuto in seguito a un’esperienza estiva con l’Azione Cattolica, durante la quale sono venuta a conoscenza dell’Istituto e del suo specifico carisma. Quello che più mi ha attirato è stata la scelta di una sequela di Gesù stando in mezzo alla gente, condividendo le fatiche, la fede e soprattutto accompagnando le persone a conoscere sempre di più il volto e l’amore di Dio. In questi anni ho scoperto e conosciuto un volto di Dio che è Padre, che ama i suoi figli, che ti lascia libera di decidere, (dopo aver meditato la sua Parola) e agire, ma con uno sguardo sempre attento ai figli. In questi anni ho avuto la possibilità di insegnare religione con i bambini della scuola dell’infanzia, e attraverso loro, sto scoprendo sempre un Padre misericordioso che ama gratuitamente.

Maria Grazia Miotti

 

I cookies ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies.